A proposito dei barili esplosivi…

azmi-bshara

Un test di realtà per gli ammiratori di Assad. Il grande scrittore e analista palestinese Azmi Bishara, che ha sostenuto la rivoluzione siriana per la libertà e la dignità fin dall’inizio, dice le cose come stanno, come sempre. 

1 . Le bombe-barile esplosive utilizzate dal regime di Assad contro città e villaggi densamente popolati, distruggendo innumerevoli case con gli occupanti al loro interno, sono il simbolo sia della barbarie primitiva del regime che dell’ipocrisia degli “Amici della Siria”. Tutto questo è ben noto. Quello su cui vorrei richiamare l’attenzione è il fatto che, nonostante la brutalità degli attacchi omicidi e devastanti del regime sulle aree liberate, le sue forze non sono ancora riuscite a fare progressi seri. Il regime di Assad, pienamente consapevole di non essere in grado di raggiungere la vittoria, ora vuole semplicemente sterminare il popolo siriano e distruggere la nazione.

2 . Non c’è dubbio che la creazione del Fronte islamico e di altri gruppi di resistenza che combattono intorno a Damasco, così come altri gruppi come l’ISIS ed altri, abbiano cambiato l’equilibrio sul terreno contro il regime. Il Ministero della Difesa di un governo ad interim dovrebbe lavorare in questo periodo per costruire il nucleo di un esercito nazionale che impedisca che la situazione degeneri in uno scontro fra le forze rivoluzionarie. E ‘impensabile che le forze ribelli siano in lotta tra di loro, invece di elaborare una strategia collettiva basata sul rovesciamento del regime .

3 . I combattenti rivoluzionari sul campo hanno dimostrato senza ombra di dubbio che si trovano in una posizione in cui il regime, nonostante le sue alleanze regionali e internazionali, non è in grado di sconfiggerli, nonostante la fragilità dell’organizzazione e delle alleanze dei ribelli. Chiunque può immaginare quanto i combattenti ribelli potrebbero raggiungere se solo fossero coordinati più strettamente e lavorassero insieme.

4 . Ci sono già manovre in atto da parte del regime per modificare la forma demografica della Siria, attraverso la deportazione di massa, il genocidio e la pulizia etnica; questo non può essere negato o ignorato, e l’obiettivo è cambiare la struttura della nazione per mezzo di ciò che può essere descritto soltanto come un vero olocausto .

5 . E ‘ innegabilmente evidente che la lobby israeliana costituisca uno dei principali difensori del regime nei circoli decisionali occidentali.

6 . Dopo tanta sofferenza orrenda e senza precedenti e dopo che il popolo della Siria, sia nella nazione che in esilio, è stato sottoposto ad un inferno terreno, dopo il numero sempre crescente di vittime del regime, stimate in centinaia di migliaia (anche se, ovviamente, vorrei sperare che le cose non stiano così, credo che il numero di 200.000 o anche 300.000 vittime sia di gran lunga inferiore rispetto ai numeri reali, come il tempo ci dirà), il popolo siriano non accetterà nulla di meno che la rimozione totale di Assad e della sua banda di criminali, assassini e delinquenti.

7 . Tutte le persone del mondo possono ricevere una lezione sulla resistenza all’ingiustizia dal grande popolo siriano che è stato ed è sottoposto ad una mostruosa ingiustizia. Quei disgraziati vili e spregevoli che difendono il regime genocida di Assad sono uguali a (e gli eredi di) coloro che difesero Hitler e Stalin e che negarono i loro crimini contro l’umanità. La sola differenza è che i crimini di Assad contro l’umanità stanno avendo luogo alla luce del sole, ben visibili da tutto il mondo e non richiedono che il regime e Assad cada prima che venga scoperta la loro orrenda gravità.

Dr. Azmi Bishara

22 dicembre 2013

Fonte: http://yallasouriya.wordpress.com/2013/12/22/about-the-explosive-barrels-by-dr-azmi-bishara/

Annunci
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: