SABATO 10 GIUGNO RIUNIONE NAZIONALE DEL COMITATO PROMOTORE DELLA MANIFESTAZIONE DEL PROSSIMO 7 OTTOBRE A ROMA

 

Il prossimo sabato 10 giugno, con inizio alle ore 11.00, si terrà a Roma, in Via di Porta Labicana n. 56/a, la riunione del Comitato Promotore della manifestazione nazionale prevista per il prossimo 7 ottobre. Alla riunione sono invitati a partecipare tutte le organizzazioni e le persone che hanno sottoscritto il relativo appello e tutti quelli che si riconoscono nelle ragioni dell’iniziativa.
Come era – purtroppo – facilmente prevedibile, dopo l’ondata di indignazione provocata dal bombardamento chimico del regime di Assad sulla cittadina siriana di Khan Sheikhoun, sul genocidio in corso in Siria è sceso nuovamente il silenzio. Ormai, sono più di sei anni che assistiamo allo stesso copione, sei anni in cui la Siria si è trasformata nella più colossale macelleria del secolo e in cui in tutta la regione si moltiplicano guerra e terrorismo. In tutti questi anni, la sinistra politica italiana è stata silente, e così i movimenti pacifisti, per non parlare di quei settori che si sono apertamente schierati – insieme a fascisti e cattolici reazionari – con il regime di Assad e con le altre tirannie della zona, come quella del golpista egiziano Al Sisi.
L’obiettivo dei promotori è quello di costruire una campagna di iniziative, in vista di una manifestazione nazionale, che riaprano il dibattito sul senso e il significato delle sollevazioni con le quali molti popoli arabi hanno tentato di guadagnare quella libertà e quella dignità che decenni di dittature, sostenute e foraggiate dalle potenze globali e regionali, gli hanno costantemente negato. Le difficoltà che questo percorso incontra sono evidenti e vanno dall’arretratezza – culturale, prima ancora che politica – della sinistra in quasi tutte le sue declinazioni all’insopportabile provincialismo della nostra informazione, in cui i giornalisti che hanno la volontà e la possibilità di far conoscere quello che avviene in Siria, in Egitto, nella Palestina occupata e in tutto il Vicino Oriente si contano sulla punta delle dita. A questa realtà, bisogna aggiungere le pulsioni autoritarie, razziste e xenofobe che dilagano in ampi strati sociali, pulsioni coltivate dalla destra ma inseguite pure dalle forze di governo, come dimostra tristemente il Decreto “Minniti – Orlando”, che introduce persino una sorta di apartheid giudiziario nei confronti dei richiedenti asilo.
D’altro canto, le prime adesioni raccolte dall’appello per la manifestazione rappresentano un segnale incoraggiante, provenendo da personalità dell’informazione (Riccardo Cristiano, Amedeo Ricucci, Selvaggia Lucarelli, Asmae Dachan, Shadi Hamadi ed altri), intellettuali impegnati come Joseph Halevi e Cinzia Nachira, esponenti sindacali come Alessandra Aldini, coordinatrice del servizio rapporti con le ONG della UIL, e Nair Magnaghi, responsabile esteri dell’U.S.I., oltre che da tanti attivisti. Come organizzazioni, hanno aderito sia realtà della sinistra alternativa (Communia Network, la Corrente Umanista Socialista, il Partito di Alternativa Comunista) che associazioni e comitati di varia ispirazione, dall’UCOII a ONSUR, dai Giovani Palestinesi al Comitato per la Democrazia e la Libertà in Egitto, dall’associazione antirazzista “3 Febbraio” all’associazione “Insieme per la Siria Libera”. Siamo ancora lontani dal coinvolgimento necessario, ma i primi passi sono stati fatti. La riunione del 10 giugno segnerà un altro passaggio verso la costruzione di quel coinvolgimento.

Per aderire all’appello che convoca la manifestazione del 7 ottobre: aromaperlasiria@libero.it

Da oltre sei anni la Siria è teatro di violenze e orrori indicibili. Le pacifiche manifestazioni popolari per libertà e la giustizia sociale sono state represse con inaudita ferocia dal regime del clan Assad, che nulla ha risparmiato al popolo siriano in termini di crudeltà non esitando ad usare armi chimiche. Ad oggi, i morti si contano a centinaia di migliaia, tra cui tanti bambini, e gli sfollati, in patria e all’estero, a milioni, mentre incalcolabili sono le distruzioni. Il regime di Assad, sostenuto da Russia e Iran, è anche il principale responsabile della nascita e dello sviluppo del terrorismo di Daesh e di altre bande criminali e reazionarie che contribuiscono alla guerra ed alle sofferenze dei Siriani. A tutto ciò si aggiungono gli interventi e i bombardamenti delle diverse potenze che mirano alla spartizione della Siria incuranti delle sofferenze del popolo. La spirale bellica infligge sofferenze inaudite alle popolazioni della zona e alimenta la violenza e il terrorismo in tutto il mondo con una catena infernale di attentati di cui sono vittime persone innocenti di diverse provenienze e credo. E’ ora di reagire, è ora di mobilitarsi! Facciamo appello a tutte le persone che amano la pace, a chi crede nei valori di rispetto, convivenza e accoglienza umana, alle tante persone impegnate nel volontariato solidale, alle forze e alle realtà pacifiste a mobilitarsi unitariamente a fianco delle popolazioni siriane. Vogliamo gridare che i Siriani, gli Egiziani, i Palestinesi e tutti i popoli del Medio Oriente sono nostri fratelli e hanno diritto sacrosanto alla libertà, all’autodeterminazione ed alla dignità, senza alcuna discriminazione etnica e religiosa.

Via il regime criminale di Bashar Al Assad!

Pace, libertà e giustizia per il popolo siriano!

Contro Putin e Trump e le mire imperialiste degli Stati di spartizione della Siria

Portare di fronte a un tribunale internazionale Bashar Al Assad e tutti i responsabili di crimini di guerra e contro l’ umanità!

Con il popolo siriano contro guerra e terrorismo!

Stop ai bombardamenti e apertura di corridoi umanitari per portare soccorso alle popolazioni civili!

Accoglienza, senza condizioni, per tutti i profughi e gli immigrati!

Contro le destre xenofobe e razziste e il decreto Minniti!

Solidarietà con i volontari e le Ong, che salvano vite umane, contro i vergognosi attacchi reazionari!

Autodeterminazione, libertà e dignità per tutti i popoli del Vicino Oriente!

 

Prime adesioni aggiornate:

Associazione Campagna Mondiale di Sostegno al Popolo Siriano ONSUR ITALIA, Corrente Umanista Socialista, Rose di Damasco, Associazione per la pace tra i popoli, Comitato Nour, Karama Napoli, La Comune, Giovani Musulmani Italiani, Comitato Khaled Bakrawi, Associazione Insieme per la Siria Libera, Associazione antirazzista e interetnica 3 Febbraio, Studenti Unior pro Rivoluzione siriana, Comitato permanente per la Rivoluzione siriana, Communia network, Giovani Palestinesi d’Italia, Partito di Alternativa Comunista, Unione delle Comunità Islamiche d’Italia (Ucoii), Comitato per la libertà e la democrazia in Egitto –Italia, Comitato Stop the War – Udine for Syria, Collettivo Insorgenza Musica (collettivo di musicisti campani indipendenti antirazzisti ed antifascisti), Comitato solidale e antirazzista Balducci di Pontassieve, Centro Culturale Amicizia V. Prè (Genova), Associazione Nazione Rom

Amer Ahmad Dachan, Germano Monti, Fouad Roueiha, Alberto Savioli, Joseph Halevi, Piero Maestri, Shadi Hamadi, Riccardo Cristiano, Amedeo Ricucci, Lorenzo Declich, Selvaggia Lucarelli, Savina Tessitore, Laura Tangherlini, Cinzia Nachira, Riccardo Bella, Asmae Dachan, Riccardo Bellofiore, Aboulkheir Breigheche, Nair Magnaghi, Dott. Mohamed Nour Dachan, Beatrice Brignone, Sami Haddad, Maria Laura Bufano, Tania Pensabene, Paolo Pasta, Samantha Falciatori, Federico Stolfi, Loretta Facchinetti,  Aya Homsi, Valerio Peverelli, Anna Foggia, Alessandra Moscatelli, Antonietta Benedetti, Camilla Cojaniz, Johannes Waardenburg, Silvia Moroni, Giovanna De Luca, Souheir Katkhouda, Manuela Giuffrida, Chiara Denaro, Yasmine Accardo, Patrizia Zanelli , Marta Bellingreri, Alessio Mamo, Arianna Carbonara, Erika Capasso, Stefania Aloi, Annalisa Tasinato, Marina Centonze, Ibtisam Rimani, Liliana Verdolin, Cristina Atzeri, Laura Seoni, Raffaella Piazzi, Marina Barausse, Francesco D’Introno, Manuela Regina, Loretta Pagani, Angela Ciambrone, Seconda Pagani, Anna Maria Crispino, Elena Zin, Liliana Boccarossa, Liliana Vernengo, Arianna Parisato, Munira Vauall, Mary Rizzo, Stefano Catone, Hamadi Zribi, Patrizia Mancini, Francesco Tronci,  Debora Del Pistoia, Chiara Rizzo, Fabio Ruggiero, Gloria Merlino, Annalisa Ruozzi, Chaimaa Fatihi, Stefano Bettuzzi, Giulia Zanetti, Sandro Brugiotti, Diego Brandolin, Franco Casagrande, Emanuele Calitri, Ilaria Righi, Fiorella Sarti, Simona Concutelli, Flavia Pacini, Mutaz Smsmieh, Gianna Guglielmino, Roberta Milani, Alessia Vincenzi, Antonio Ronchi, Nicola Gandolfi, Marinella Fiaschi, Fabia Foppiano, Filippo Mancini, Giuseppe Bianchini, Michele Focaroli, Lamia Ledrisi, Mattia Giampaolo, Franco Ragusa, Franca Bei Clementi, Donatella Quattrone, Said Mehboub, Claudio Moratto, Nibras Breigheche, Elisabetta Lelli, Fabia Floris, Roberto Dati, Filomena Annunziata, Giovanni Ciccone, Giovanni Ciccone, Alessandra Aldini, Joshua Evangelista, Pier Francesco Pandolfi De Rinaldis, Caroll Gisselle Aceituno Castillo, Fabrizio Porro, Vilma Laudelino De Souza, Andrea Aceituno Castillo, Elisabeth Nicoletti, Leyla Barnat, Khalil Mujahed, Fabrizio Gigliani,  Paola Antonioli, Elena Frigerio, Amina Donatella Salina, Claudio Cimmino, Sara Virgili, Alfredo Maiolese, Nino Demarinis

Annunci
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: